Join us
Valeria Cimò
Artist
Italy
Influences: West European , North African
Genres: indie
Personal Website   Buy artist music   Facebook Page   Twitter Page   YouTube Page
TRACKS
 
PHOTOS
 
Photo by: Valeria Cimò
About: Sul palco
Photo by: Valeria Cimò
About: Sassari
Photo by: Valeria Cimò
Photo by: Valeria Cimò
About: marranza
Photo by: Valeria Cimò
ABOUT
Terramadonna has a creed, but not fight for the truth, has a practical one like it would practice a peasant: Creed that the fundamental reason for which we are obstinate ourselves not to respect the body of the earth is that we do not respect the body of the woman, and of glare, neither that of the man. A cult, epurato from the illusions of the religions lacks us that project deity apart from we and from the sideboards of a tradition, ideological, rational, asphyxiatedly analytics. In a word the cult of the Earth. The cult of the whom revisited mother earth graces and beyond the feminism, beyond archaic that so a lot us nutre, in the anarchy of which I feed to me daily, beyond the apocalypse, the catastrofismo, inebriati from the knowledge that life and dead women joined in the form go alone beyond the historical definition and the same history: they are that is the detection of immortality.

Terramadonna Terramadonna, è la terza monografia del suo percorso di cantautorato. Terramadonna ha il credo che rivendica una pratica contadina dotata di buon senso: il rispetto per la terra. L'autrice "crede" che l'impulso diretto a sfregiare il corpo della terra abbia la stessa natura della compulsione diretta al corpo della donna. Per questa ragione pone la passione per le emozioni come una torcia accesa dentro le nostre caverne, al posto di un culto religioso. Terramadonna è un atto di rispetto verso la grande ferita degli abusi fisici ed intellettuali, della donna e dell'uomo, impegnati ora in una medicina di ricostruzione preferibilmente non plastica.Una nuova Eva per questa Era, un culto terreno rivisitato grazie e oltre il femminismo, oltre l'arcaico che così tanto ci nutre, nell'anarchia come cibo quotidiano, oltre l'apocalisse, oltre il catastrofismo.